Incontro internazionale di speleologia

29 ottobre – 1 novembre 2021

Marina di Camerota (Salerno – Italia)

  • img

    Un mare di grotte

    Enea attraversò questo mare. Toccò coste di sirene, avvistò montagne bianche di calcare e di neve, e cupe di grotte. La ninfa Kamaraton ammaliò il nocchiere Palinuro e lo attirò a sé. Le grotte innamorano gli speleologi di tutto il Mediterraneo e li coinvolgono in un’esplorazione senza fine. Intorno a questo mare si muovono e si toccano più speleologie. Un mare di grotte. E di esplorazioni possibili.

  • img

    Archeologia e paleontologia

    Le grotte sono archivi del tempo. Isolate dal mondo esterno, preservano tutto ciò che vi si stratifica. I fossili che si conservano nelle grotte costiere sono le tessere di un grande mosaico. Il loro studio ci aiuta a ricostruire la rete di connessioni tra le diverse sponde del Mediterraneo.

  • img

    Grotte sacre

    Le grotte sono isole. Luoghi di culto, meditazione e spiritualità. Luoghi che hanno ispirato asceti, monaci e predicatori. Eremi sperduti nel silenzio dei monti e su scogliere selvagge. Antri in cui riecheggia la suggestione umana del religioso e del diabolico, speranze e paure che risalgono alla notte dei tempi.

  • img

    Speleosubacquea

    Le coste del Mediterraneo sono traforate di grotte marine. È un patrimonio immenso, un archivio del tempo tutto da esplorare. La ricerca speleosubacquea ha fatto passi da gigante anche grazie allo sviluppo di nuove tecniche messe a punto dagli stessi esploratori. Il primo incontro tra gli speleosub del Mediterraneo.

Le Speleologie del Mediterraneo - Testimonianze

Un luogo dove speleologia, archeologia, paleontologia e speleosubacquea trovano il punto di contatto ed interscambio. Un punto di partenza per lo sviluppo di una speleologia sostenibile dove la protezione delle grotte assuma un aspetto centrale

Scegli la tua lingua.

Maggiori informazioni

Alla luce del DPCM del 18 ottobre 2020 è stato rinviato a data da destinarsi